domenica 1 luglio 2012

Guida al recupero dei solai in legno



Avere un solaio in casa solo come ripostiglio dei vecchi ricordi, può essere “romantico”, ma quando si ha bisogno di altro spazio, sarebbe comodo poterlo sfruttare! Con un po’ d’impegno, e
qualche “rattoppo” è una cosa fattibile.


Attenzione a muffa e afa




I solai e i soffitti in genere sono la parte della casa che maggiormente disperdono calore, se non ben isolati e, allo stesso tempo, immagazzinano umidità, se non ben arieggiati. Qui, muffa e
freddo, d’inverno, afa e calore eccessivo d’estate, fanno da padroni, rovinando muri e travi, sono “il tallone d’Achille” della casa.


Controllo del buono stato delle travi




Prima cosa da fare quando si vogliono iniziare i lavori, è controllare che le travi non abbiano subito danni, che sia ben conservate, altrimenti si rischia di fare del lavoro per niente! Se ci
sono dubbi sulla presenza di tarli è meglio farsi consigliare su un ottimo anti tarlo. Questo va dato, arieggiando la zona, usando una mascherina e dei guanti di protezione. Se non si è sicuri
della resistenza delle travi, l’anti tarlo, altamente corrosivo, potrebbe rovinare ancor di più le travi. In questo caso è meglio farsi consigliare da un esperto che analizza le travi a fondo,
o procedere direttamente con la sostituzione.


Ulteriori controlli da non tralasciare323007892_1f12964001.jpg




Se ci sono delle crepe, usare l’apposita pasta e chiuderle tutte, ciò aiuta a prevenire un ulteriore danneggiamento delle travi.

Se si hanno dei dubbi sulla loro resistenza, si può fare un rinforzo con travi di ferro poste ai lati di quelle in legno. Oppure si possono usare dei connettori per solai a base di legno o
ferro e calcestruzzo. (questi però vanno posati da esperti nel campo). Accertato il buono stato delle travi luogo conviene passare del liquido anti muffa e anti umidità su tutto il solaio, si
trova nei centri edili, sotto forma di liquido e si passa con un pennello, almeno due volte a distanza di 24 ore


Come isolare?




A questo punto si procede con l’isolare il solaio. Per fare ciò esistono diversi modi. Quello più pratico è usare palline di argilla espansa che vanno stese sul solaio dopo aver applicato dei
listelli separatori di 8 o 10 centimetri di spessore. Lo spessore dell’argilla deve essere di almeno 5 centimetri. Va spianata con un ulteriore listello che va fatto scorrere sui listelli
montati.

Altro sistema è quello di usare un tappeto isolante. Questo modo è molto pratico se il solaio deve essere calpestabile. Si stende con facilità. Per una maggiore efficacia isolante, è meglio
mettere due strati di tappeto a incrocio con il precedente.


Pavimenti




Fatto questo, si può applicare un pannello di compensato e poi procedere alla pavimentazione, che secondo il proprio gusto può essere sempre in legno o con le piastrelle.

Dedicato a tutte le persone affette da lupus

SPAZIO UTENTI

Oh Oh

Share it

Ti potrebbe interessare!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Citazione del Giorno